logo
Categoria

Fotografia tradizionale

Fotografia all’infrarosso, anche in digitale

  È ora di fare sul serio! …e di dare un’occhiata al libro di fisica delle superiori. Ok, forse ce la caviamo con qualche buon consiglio e un filtro nero. Proprio così, esiste un filtro talmente scuro che viene chiamato (impropriamente) filtro nero. In realtà non oscura completamente ciò che passa attraverso l’obiettivo, ma blocca solamente la parte di luce visibile dai nostri occhi e lascia pa
Continua a leggere
Filtro polarizzatore circolare

Filtri, il polarizzatore. Addio riflessi

Ci si potrebbe domandare se nell’era digitale abbia ancora senso usare i filtri davanti ai nostri obiettivi. Nel caso del filtro polarizzatore la risposta è: decisamente sì! Il polarizzatore infatti agisce sulla scena lavorando sulle caratteristiche fisiche della luce eliminando una parte della luce presente: la luce polarizzata. Questa è la luce riflessa da un oggetto su di un altro. Se cercate un filtro polar
Continua a leggere

Fotografare in viaggio, Parte 1

Il reportage di viaggio è uno dei più nobili impieghi della fotografia. Per varietà di soggetti, possibili imprevisti e difficoltà tecniche da affrontare la fotografia di viaggio rappresenta una sfida impegnativa anche per i più esperti.   Prima di partire Ancor prima di scegliere l’attrezzatura da infilare in borsa è importante prepararsi ai soggetti che si andranno a fotografare. Documentarsi, studiare e
Continua a leggere

Esposizione, quanta luce e come capirla

La luce ha una caratteristica, tra le tante che ne possiede, davvero molto importante per il fotografo: l’intensità. Capire quanta luce c’è nella scena e quanta ne riflette ciò che vogliamo fotografare è il primo passo per ottenere un’immagine.
Continua a leggere

Tempi lunghi, fotografare il tempo che scorre

Questo aspetto della fotografia mi ha sempre affascinato. Mi dissero che la fotografia è una rappresentazione a due dimensioni della realtà, ma non appena mi sono reso conto di cosa si poteva fare  lasciando aperto l’otturatore per più tempo rispetto alla classica frazione di secondo di un click ho capito che in realtà si poteva aggiungere una nuova dimensione alle immagini. Non era certo la profondità, ma il t
Continua a leggere

Gli obiettivi fotografici. Parte 2, la luminosità e molto altro

A parità di lunghezza focale non tutti gli obiettivi sono uguali. Se leggiamo tra le indicazioni stampate sul corpo dell’obiettivo troveremo un’indicazione molto importante che ne esprime la luminosità. In realtà il dato che troverete si riferisce al diaframma più aperto disponibile per quello specifico obiettivo ed è indicato con dal consueto valore f. f/1.8 è più luminoso si f/4, ad esempio… Minor
Continua a leggere

Gli obiettivi fotografici. Parte 1, gli occhi della nostra fotocamera

L’obiettivo serve per consentire alla luce di arrivare al sensore o alla pellicola della fotocamera. Grazie all’obiettivo il fotografo controlla diverse variabili fondamentali per ottenere l’immagine che desidera. Messa a fuoco, quantità di luce (per mezzo del diaframma), lunghezza focale e in alcuni casi la stabilizzazione anti-vibrazione sono ciò che possiamo regolare grazie ai comandi disponibili
Continua a leggere

Il diaframma Parte 2, andiamo in dettaglio

  L’impostazione del diaframma incide sulla profondità di campo, ovvero sull’ampiezza della zona a fuoco attorno al soggetto. Questa zona si estende davanti e dietro a ciò che abbiamo messo a fuoco. Se misurassimo lo spazio a fuoco davanti al soggetto troveremmo che è quasi doppia rispetto allo spazio dietro. Questa caratteristica è importante da memorizzare per anticipare le regolazioni necessari e
Continua a leggere

Il diaframma Parte 1, il vostro migliore alleato in fotografia

Cos’è il diaframma, o diaframma di apertura? Il diaframma serve per regolare la quantità di luce che entra nell’obiettivo. È composto da una serie di lamelle metalliche disposte nella parte interna del barilotto dell’obiettivo e ruotando aprono e chiudono il passaggio alla luce. Prima di scattare la foto il diaframma è al massimo dell’apertura per consentire di inquadrare e comporre la scena a
Continua a leggere

Mosso e micromosso

Quando la macchina fotografica si muove in modo improprio durante lo scatto si può verificare il “mosso”, ovvero una mancanza di nitidezza in cui si possono vedere le scie indefinite degli oggetti presenti nella scena. In alcune situazioni è la stessa macchina fotografica a produrre vibrazioni indesiderate dovute prevalentemente al movimento di ribaltamento dello specchio; in questo caso il difetto che si riscontra è
Continua a leggere